Che cosa sono gli esami contrastografici gastronenterologici?

Gli esami contrastografici gastroenterologici sono procedure diagnostiche radiologiche che si eseguono mediante l’opacizzazione dei visceri con l’utilizzo di un mezzo di contrasto radiopaco.

I visceri del canale alimentare, infatti, non forniscono un’immagine diagnosticamente valida sui radiogrammi senza preparazione e sono osservabili solo dopo introduzione nel loro interno di un preparato radiograficamente visibile.

Tali esami sono indagini dinamiche, poiché studiano in tempo reale il progredire del contrasto attraverso le varie porzioni del canale alimentare, visualizzandone la cinetica e la peristalsi.

Per questo motivo, si tratta di esami relativamente complessi, la cui esecuzione va personalizzata alle caratteristiche e alle problematiche del paziente. Per questa ragione vengono eseguiti direttamente dallo specialista radiologo.

I principali esami contrastografici gastroenterologici sono:

A cosa servono gli esami?

Gli esami contrastografici evidenziano eventuali alterazioni, morfologiche e funzionali del canale alimentare e dei suoi diversi segmenti. Principalmente sono indicati per rilevare alterazioni della motilità dei visceri, in particolar modo della loro peristalsi, che possono essere dovute a lesioni organiche (ulcere, tumori, ecc.) o insorte per altre motivazioni.