Che cos’é la vulvoscopia?

La vulvoscopia è l’osservazione dei genitali esterni con il colposcopio a più ingrandimenti.

A cosa serve l’esame?

Le principali indicazioni all’esecuzione della vulvoscopia sono:

  • Prurito e/o bruciore vulvare persistente
  • Riscontro di lesioni, ulcere, neoformazioni o zone pigmentate sui genitali esterni.

Informazioni Utili

Per le prestazioni convenzionate con il S.S.N., si ricorda che il medico di medicina generale è tenuto a scrivere sull’impegnativa: nome, cognome ed età dell’assistito, codice fiscale, la prestazione richiesta, il quesito diagnostico, l’indicazione di eventuali esenzioni e l’urgenza.

Norme di preparazione

È necessario ai fini dell’esecuzione dell’esame:

  • portare con sé il giorno dell’esame l’esito degli ultimi pap test eseguiti, l’esito di eventuali precedenti colposcopie, vulvoscopie e biopsie eseguite e la documentazione di eventuali precedenti interventi chirurgici ginecologici effettuati
  • sospendere 3-4 giorni prima dell’esecuzione dell’esame, l’applicazione di farmaci locali
  • al fine di ridurre rischi e complicanze è necessario comunicare al medico ginecologo esecutore, l’assunzione di eventuali farmaci (soprattutto antiaggreganti e anticoagulanti), la presenza di eventuali malattie cardiache (es. prolasso mitrale), eventuali reazioni di tipo allergico (allergia allo iodio, ai mezzi di contrasto o agli anestetici locali)
  • l’esame non può essere effettuato nel periodo mestruale
  • comunicare allo specialista ginecologo esecutore l’eventuale stato di gravidanza

Durata dell’esame: 30 minuti