Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Spirometria

sintesi

Che cos'é la spirometria?

La spirometria consiste nella misurazione della quantità di aria che il polmone utilizza nella respirazione e nella misura dei flussi dell’aria durante la respirazione forzata confrontando i risultati con uno standard noto, in funzione della età, del sesso, della altezza e del peso.

In casi particolari è opportuno completare la spirometria con il test di broncodilatazione. Quando si riscontri una ostruzione dei bronchi è opportuno verificare se la somministrazione di un farmaco possa dilatare i bronchi: si esegue quindi la inalazione di uno spray broncodilatatore e dopo un po’ di tempo si ripete la spirometria.

In altri casi, qualora si sospetti una malattia asmatica si può eseguire un test di broncostimolazione: si fanno inalare delle sostanze irritanti per i bronchi a dosi crescenti in modo da verificare se essi siano maggiormente reattivi come accade negli asmatici. Se i bronchi si stringono con dosi basse di queste sostanze è probabile che ci sia una forma di asma.

In alcuni casi è opportuno verificare la diffusione alveolo-capillare del CO (ossido di carbonio). Consiste nell’esecuzione di una manovra respiratoria particolare che consente di misurare la velocità con cui l’ossido di carbonio (che si sposta con la stessa velocità dell’ossigeno) passa dall’aria al sangue.

La spirometria completa prevede la misura, oltre che della quantità di aria che il paziente mobilizza con l’atto respiratorio, anche della quantità di aria totale che può contenere il polmone comprendendo, quindi, anche l’aria che rimane nel polmone dopo che si è espirata tutta l’aria possibile.

 

Come avviene l’esame?

Il paziente respira dentro un boccaglio collegato con lo spirometro e gli viene chiesto di eseguire delle manovre respiratorie lente  e forzate, ripetendole più volte in modo da essere certi che si misurino valori reali e non viziati da manovre non corrette.

 

A cosa serve l'esame?

La spirometria serve per verificare se esista un danno nel funzionamento del nostro apparato respiratorio. Questo è spesso indispensabile per effettuare una diagnosi corretta di alcune malattie o per valutare un rischio operatorio, è utile inoltre per identificare alterazioni precoci della funzionalità respiratoria che suggeriscano la opportunità di adottare misure preventive per lo sviluppo di una malattia.

Il test di broncodilatazione permette di verificare se ci sia la indicazione ad eseguire determinate cure e per confermare la diagnosi di asma o di bronco-pneumopatia-cronica ostruttiva (BPCO).

Il test di broncostimolazione serve a porre diagnosi di asma in un momento libero da sintomi.

Il test della diffusione è necessario per verificare se ci sia un danno polmonare a livello degli alveoli polmonari, sede dove avviene il passaggio dell’ossigeno dall’aria al sangue.

 

info utili

L’esame è eseguibile solo privatamente.
La presenza della prescrizione medica di uno specialista, non è obbligatoria, ma comunque consigliabile.


Norme di preparazione all’esame

Non è prevista una specifica preparazione.

È, tuttavia, opportuno evitare di usare farmaci in grado di interferire con la funzionalità respiratoria (broncodilatatori) nel periodo precedente l’esame o, qualora non sia possibile, di avvertire l’operatore segnalando nome e dosaggio del farmaco ed ora di assunzione.

Non si deve fumare almeno per una ora prima del test, non si deve eseguire sforzi fisici importanti nella mezz’ora precedente, non si devono consumare pasti abbondanti nelle 2 ore precedenti o alcoolici nelle 4 ore precedenti e sono consigliati vestiti comodi che non impediscano i movimenti del torace.

L’esame non è fastidioso o pericoloso ma vanno riferiti i propri sintomi prima dell’esame. È opportuno rimanere il più possibile rilassati e seguire le indicazioni dell’operatore.

Per il test di bronco stimolazione è richiesta l’accettazione dell’esame attraverso la sottoscrizione di un consenso. Saranno fornite tutte le indicazioni ma, in caso di dubbi, il paziente non deve avere remore nel chiedere spiegazioni.

 

Durata dell’esame
20 minuti

 

Accettazione
Clicca qui per conoscere i dettagli

 

Ritiro referti
Al termine della prestazione

 

medici

Per maggiori informazioni, consulta l'attività clinica e i medici dell'Ambulatorio di Pneumologia di Humanitas Mater Domini.

L'OSPEDALE

Ospedale Humanitas Mater DominiOspedale polispecialistico. Aree dedicate alla cura di malattie cardiovascolari, ortopediche, oncologiche. Centro diagnostico.

INIZIATIVE ED EVENTI

Iniziative ed Eventi Mater DominiConsulta le iniziative e gli eventi di educazione sanitaria organizzati dall'Ospedale.

NEWS

News Humanitas Mater DominiScopri le ultime novità e i consigli per vivere meglio dei nostri specialisti.

Leggi tutte le news.