L’albumina si usa nella cura di problematiche molto differenti tra loro.
Per esempio:

  • shock provocato da abbondanti emorragie
  • ustioni
  • diminuzione dei livelli di proteine collegata a interventi chirurgici o a un’insufficienza epatica

Che cos’è l’albumina?

Si tratta di un concentrato di proteine plasmatiche ricavato da sangue umano che opera incrementando il volume di plasma o i livelli sierici di albumina.

Come si assume l’albumina?

L’albumina viene somministrata tramite infusioni in vena.

Effetti collaterali dell’albumina

È fondamentale avvertire immediatamente il medico nell’eventualità in cui la somministrazione di albumina provochi:

  • rash cutaneo
  • orticaria
  • prurito
  • problemi respiratori
  • sensazione di oppressione al petto
  • gonfiore di bocca, viso, labbra o lingua
  • mali addominali forti e continui
  • cambiamenti della frequenza cardiaca o della respirazione
  • confusione
  • brividi
  • produzione eccessiva di saliva
  • svenimenti
  • febbre
  • dolore alla testa
  • nausea
  • vomito
  • debolezza

Controindicazioni e avvertenze

L’albumina può non essere indicata in presenza di scompenso cardiaco, insufficienza renale, anemia cronica o pericolo di sovraccarico di fluidi.

Prima della somministrazione è fondamentale avvertire il dottore:

  • di possibili allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a ogni altro medicinale, a cibi o ad altre sostanze
  • dei farmaci, dei fitoterapici e degli integratori presi
  • delle patologie e dei disturbi di salute di cui si soffre (o si ha sofferto)
  • in presenza di gravidanza o allattamento

Essendo ricavata partendo da sangue umano, l’albumina potrebbe essere contaminata da agenti patogeni.