L’ematologia è il settore della medicina volta allo studio del sangue, degli organi che producono i suoi elementi e delle malattie ematiche. La salute del sistema linfatico, che è strettamente associato al sistema circolatorio, e degli organi che producono i globuli bianchi è inoltre un altro settore dell’ematologia.

Di cosa si occupa l’ematologo?

L’ematologo è uno specialista nello studio del sangue e degli elementi da cui è composto. Quindi, si tratta di un professionista che analizza le dimensioni, la struttura e il funzionamento degli elementi del sangue e della linfa, ovvero dei globuli rossi, dei globuli bianchi, delle piastrine e delle proteine della coagulazione, nonché degli organi che le producono (midollo osseo, linfonodi e milza). L’ematologo è sempre parte di un team di esperti in varie discipline, che si prendono cura dei pazienti che manifestano malattie del sangue, e degli organi emopoietici.

Per effettuare la diagnosi nel modo migliore possibile l’ematologo prescrive analisi di laboratorio, interpretandone poi i risultati, e infine prescrivendo un trattamento e monitorando l’efficacia della terapia prescritta.

Le patologie trattate più di frequente dall’ematologo sono:

  • le anemie
  • le coagulopatie (come le piastrinopenie, l’emofilia e le trombofilie)
  • le disfunzioni del midollo osseo
  • le disfunzioni del sistema immunitario
  • le gammapatie (ad esempio le mielosi)
  • i tumori del sangue (come linfomi e leucemie)

Quali sono le procedure più utilizzate dall’ematologo?

L’ematologo prescrive analisi del sangue, e le valuta, prendendo poi decisioni sulle ulteriori analisi da effettuare, e sentendo il parere di altri specialisti per comprendere quale terapia è più adatta al paziente. É possibile che l’ematologo prescriva delle terapie farmacologiche, che possono coinvolgere l’uso di farmaci immunosoppressori, biologici, di fattori di crescita o di chemioterapici. Talvolta può essere necessario somministare o rimuovere alcune specifiche componenti del sangue. Oltre a ciò l’ematologo prende parte a trapianti di midollo osseo e cellule staminali.

Quando chiedere un appuntamento con l’ematologo?

Quando si verificano sintomi che lasciano pensare alla presenza di una malattia ematologica, ovvero quando gli esami del sangue segnalano un’alterazione dei livelli di emoglobina, di globuli bianchi o di globuli rossi, oppure emorragie senza una causa apparente. Sarà poi il medico di base a prescrivere un’eventuale visita ematologica.