La nefrologia è quel ramo della medicina che si occupa della salute dei reni.

Il nefrologo è un professionista della medicina specializzato nel curare i reni e nel diagnosticare e trattare le affezioni che possono manifestarsi a loro carico. Dopo aver effettuato la diagnosi di una patologia renale il nefrologo prescrive analisi per valutarne la gravità e scegliere il piano terapeutico più adatto. Il nefrologo può indirizzare il paziente da un dietologo o da un altro professionista in grado di aiutarlo a gestire nel modo migliore la propria malattia. Se vi è il bisogno di dialisi o di un trapianto ai reni, il nefrologo indirizza il Paziente presso centri specializzati.

Quali sono le patologie trattate più spesso dal nefrologo?

Il nefrologo si occupa di disturbi che colpiscono le unità funzionali dei reni o i vasi a essi associati (glomerulari/vascolari), o anche a carico dei tubuli renali e i tessuti circostanti (tubulari/interstiziali). Si occupa anche delle malattie legate allo squilibrio degli elettroliti.

Inoltre le patologie trattate dal nefrologo comprendono:

  • calcolosi renale
  • insufficienza renale acuta e cronica
  • ipertensione
  • malattie renali croniche
  • rene policistico
  • edemi

Quali sono le procedure più utilizzate dal nefrologo?

In primo luogo il nefrologo conduce un’anamnesi accurata, informandosi sulla storia medica e familiare del paziente.  In una seconda fase procede a una visita fisica completa. Può prescrivere ulteriori accertamenti che includono:

  • analisi del sangue
  • analisi delle urine
  • biopsie
  • ecografia renale
  • radiografie
  • esami della funzionalità renale (esempio clearance della cretinemia etc)

Le procedure più prettamente chirurgiche sono di competenza di un altro specialista, l‘urologo.

Quando chiedere un appuntamento con il nefrologo?

I problemi renali, l’ipertensione, problemi metabolici sono alcune delle cause che possono spingere il medico di base ad indirizzare un paziente dal nefrologo. E’ necessario, o utile, rivolgersi a un nefrologo quando si manifestano:

  • calcolosi renale recidiva
  • infezioni croniche o ripetute delle vie urinarie
  • insufficienza renale acuta
  • ipertensione non controllata dai farmaci
  • malattia renale cronica in stadio 4 o 5 di sviluppo
  • presenza di proteine nelle urine
  • presenza di sangue nelle urine
  • riduzione della funzione renale
  • tasso di filtrazione glomerulare (GFR, glomerular filtration rate) uguale o inferiore a 30.