Che cos’è e a che cosa serve la fleboclisi?

Consiste in una procedura terapeutica tramite la quale vengono somministrate delle soluzioni acquose per via endovenosa. La fleboclisi permette di fornire al paziente, in maniera continuata e lenta, acqua, elettroliti, medicinali e altre sostanze che possono essergli necessarie.

Come funziona la fleboclisi?

In una vena superficiale del braccio del paziente è inserito un ago-cannula che è collegato al recipiente contenente la soluzione acquosa tramite un tubicino flessibile. Un deflussore regola la fuoriuscita del liquido che sarà introdotto in vena; la fleboclisi difatti dovrà avvenire in maniera lenta.

Il recipiente viene solitamente appeso a un gancio o a un sostegno, in modo che sia in alto e accanto al paziente.

La fleboclisi è pericolosa o dolorosa?

Il paziente potrebbe avvertire un pizzicore associabile all’inserimento dell’ago nel braccio.

Se effettuata con precisione e attenzione, la fleboclisi è una procedura del tutto sicura.