Humanitas Mater Domini è impegnata a garantire ai cittadini servizi sempre più qualificati nel rispetto dei tempi massimi di attesa stabiliti da Regione Lombardia e concordati a livello provinciale con Ats Insubria.

Per la formazione delle liste di attesa delle prestazioni di specialistica ambulatoriale si considerano due elementi che caratterizzano e differenziano ciascuna richiesta: la tipologia e la classe di priorità.

Le tipologie che caratterizzano le prestazioni sono:

  • PRIMO ACCESSO: casi in cui il problema attuale del paziente viene affrontato per la prima volta, ossia prima visita o primo esame di diagnostica strumentale. Sono considerati primi accessi anche i casi di pazienti noti affetti da malattie croniche che presentano una fase di riacutizzazione del quadro clinico o l’insorgenza di un nuovo problema.
  • ACCESSO SUCCESSIVO: prestazioni definite di controllo, quali visite e/o accertamenti diagnostici successivi ad un inquadramento clinico già concluso, rivalutazioni cliniche per seguire nel tempo l’evoluzione di patologie croniche, approfondimenti e follow-up.

La normativa regionale (DGR n° X/1865 del 09/07/2019 “Recepimento dell’intesa tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano del 21 febbraio 2019 sul piano nazionale di governo delle liste di attesa per il triennio 2019-2021 e approvazione della proposta di piano regionale di governo delle liste di attesa (PRGLA)”) prevede le seguenti classi di priorità per l’erogazione delle prestazioni ambulatoriali, da attribuire sulla base delle specifiche condizioni cliniche del paziente:

U (URGENTE): prestazioni in urgenza da effettuarsi nel più breve tempo possibile e comunque entro 72 ore;
B (BREVE): prestazioni da effettuarsi entro un periodo breve: 10 giorni;
D (DIFFERIBILE): prestazioni da eseguirsi entro 30 giorni per visite ambulatoriali ed entro 60 giorni per prestazioni strumentali (escluse TAC, RMN ed ecografie da erogarsi entro 40 gg.);
P (PROGRAMMATA): prestazioni programmabili da eseguirsi entro 120 giorni.

L’indicazione della classe di priorità da parte del medico prescrittore è obbligatoria; in caso di mancanza la prestazione viene considerata come programmabile (Priorità P).

Anche per i ricoveri programmati sono previste differenti classi di priorità:  Il paziente si impegna a presentare la richiesta in tempi coerenti alla priorità indicata sulla prescrizione.

A – ricovero entro 30 giorni per i casi clinici che potenzialmente possono aggravarsi rapidamente.
B – ricovero entro 60 giorni per i casi clinici che presentano intenso dolore o gravi disfunzioni e disabilità, senza tendenza ad aggravarsi rapidamente.
C – ricovero entro 180 giorni per i casi clinici che presentano minimo dolore, disfunzione o disabilità.
D – ricovero senza attesa massima definita.

Qui di seguito può trovare pubblicati, con cadenza mensile, i tempi di attesa per alcune classi di prestazioni ambulatoriali di medicina specialistica e diagnostica strumentale.

Consulta i tempi d’attesa_agg. 27.01.2021
Tempi di attesa prestazioni ambulatoriali_gennaio 2021