La colonna vertebrale è dritta sul piano frontale, mentre presenta delle curve sul piano laterale: lordosi cervicale, cifosi toracica, lordosi lombare.
La scoliosi è una deformità della colonna vertebrale con formazione di una curva sul piano frontale. Sul piano laterale, possiamo invece riscontare una deformità in ipercifosi sia nell’adolescenza (tipica del Morbo di Scheuermann) che nell’adulto (cedimenti vertebrali).

Una ipercifosi si realizza per la deformazione a cuneo anteriore delle vertebre.

Nell’adolescenza, è importante riconoscere precocemente il Morbo di Scheuerman in cui, oltre alla cuneizzazione di più vertebre, è presente un’irregolarità del piatto vertebrale con tipici Noduli di Schmorl (o ernie di Schmorl). In questi pazienti, durante la crescita, la vertebra cuneizzata non ha lo spazio necessario per la sua crescita.

Nei pazienti adolescenti, i corsetti utilizzati durante la crescita svolgono un’azione di correzione in iperestensione del tronco. In questo modo la vertebra ha lo spazio necessario per la sua crescita ossea.

E’ indicato un trattamento con corsetto quando ci si trovia di fronte ad una ipercifosi riducibile, con un angolo di cifosi maggiore di 45° ed entro i 75°.

Distinguiamo una ipercifosi toracica ed una ipercifosi toracolombare. A seconda della localizzazione dell’apice della curva, sarà utilizzato un corsetto specifico.

Oltre i 75° ed in presenza di una ipercifosi rigida, non riducibile, deve essere considerato il trattamento chirurgico.

Il trattamento della ipercifosi in un paziente adulto è diverso da quello del bambino/adolescente, in quanto è mirato al trattamento del dolore. Un’accurata anamnesi, insieme ad un approfondito esame obiettivo e relative indagini diagnostiche, aiuteranno per decidere per un trattamento conservativo o per un trattamento chirurgico.