Screening, diagnosi precoce, terapie e follow-up sono passi fondamentali del percorso di prevenzione e cura dei pazienti oncologici. Durante quest’ultimo anno, purtroppo, l’emergenza Covid-19 ha spostato in secondo piano la prevenzione e la cura di altre patologie, ma è necessario sensibilizzare e invitare a non rimandare le cure e a riprendere gli screening e i controlli, che sono eseguiti in completa sicurezza.

Si attesta al 29% l’incidenza del tumore al seno tra le donne, seguito dal tumore al colon-retto (13%), al polmone (8%), alla tiroide (6%) e all’utero (5%). Il tumore al seno, quindi, è la neoplasia più frequente nel mondo femminile e colpisce 1 donna su 8 nell’arco della vita. Attualmente, l’efficacia delle nuove terapie e la diagnosi precoce permettono di individuare il tumore in fase iniziale con un progressivo calo della mortalità (circa -8% annuo) *. E’ importante ricordare, dunque, come la diagnosi precoce sia il primo step per aumentare la possibilità di guarigione”, spiega la dottoressa Stefania Formenti, specialista in Radiodiagnostica e Capo Sezione della Radiologia Senologica di Humanitas Mater Domini.

L’importanza della mammografia come esame di screening

Fondamentale per la diagnosi precoce, la mammografia è un esame che permette di evidenziare eventuali noduli sospetti, non ancora clinicamente palpabili. Nuova frontiera della diagnostica è la mammografia digitale con tomosintesi che permette di esaminare in profondità il tessuto, analizzando noduli maligni anche di piccole dimensioni (1mm) non visibili con la mammografica tradizionale. Si possono così acquisire immagini tridimensionali del seno in modo ancora più accurato e con sezioni complete e dettagliate.

Mammografia digitale con tomosintesi: i vantaggi

  1. Diagnosi più precisa. La mammografia digitale con tomosintesi elimina la sovrapposizione di tessuto permettendo una migliore individuazione e caratterizzazione dell’eventuale nodulo sospetto.
  2. Maggiore accuratezza, anche in caso di seno denso. La tomosintesi consente una più accurata caratterizzazione delle alterazioni evidenziate dalla mammografia, specie nel caso di seno denso, altamente radiopaco (poco trasparente ai raggi X) e di difficile lettura.
  3. Valutazione dell’estensione del tumore. Con la tomosintesi è possibile stabilire con certezza e definizione la reale estensione del tumore .
  4. Esame radiologico che si può eseguire a tutte le età

In Humanitas Mater Domini, l’area radiologica si potenzia

Con l’arrivo del secondo mammografo digitale con tomosintesi, Humanitas Mater Domini potenzia l’area dedicata alla diagnostica senologica, all’interno del percorso senologico dedicato alla donna, che parte proprio dalla prevenzione per la cura della sua femminilità”, conclude la dottoressa Formenti.

*Fonti dati:
AIOM (associazione italiana oncologia medica)
AIRTUM (associazione italiana registro tumori)

Informazioni utili

In Humanitas Mater Domini l’esame è erogato in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale e in regime privato

Per prenotare online, clicca qui

Per prenotare online il pacchetto Mammografia ed ecografia mammaria, clicca qui