Che cos’è il clisma opaco?

Il clisma opaco è una procedura contrastografica gastroenterologica per lo studio dell’intestino.Si tratta di una radiografia del colon e del retto eseguita mediante l’impiego di un clistere contenente acqua e bario. Il bario è una sostanza radio-opaca che ha la proprietà di rendere visibile ai raggi X la struttura e la forma dell’organo nel quale viene immessa. 

A cosa serve l’esame?

Il clisma opaco viene utilizzato quando si sospetta un’alterazione a carico del retto o del colon, oppure in caso di importante irregolarità della funzione intestinale (improvvisa comparsa di stitichezza ostinata, anche alternata a episodi di diarrea).Il clisma opaco, in particolare, è indicato per individuare la presenza di tumori del colon retto, diverticoli (piccole sacche che si possono formare nella parete dell’intestino) e ulcere.

Come si svolge il clisma opaco?

L’esame si svolge sdraiati sul lettino e il paziente viene invitato a girarsi nelle inclinazioni più opportune per osservare le diverse porzioni dell’intestino.In casi particolari, può essere utile iniettare intramuscolo una piccola fiala di un comune preparato antispastico. Nel corso delle diverse fasi dell’esame, il medico radiologo chiede al paziente di restare immobile ed in apnea per gli istanti necessari a fissare sulle radiografie le immagini più significative.

Informazioni Utili

Prestazioni S.S.N.: l’assenza dell’impegnativa preclude l’esecuzione della prestazione. Si ricorda che il medico di medicina generale è tenuto a scrivere sull’impegnativa: nome, cognome ed età dell’assistito, codice fiscale, prestazione richiesta, quesito diagnostico, indicazione di eventuali esenzioni e livello d’urgenza.Prestazioni PRIVATE: l’assenza della prescrizione medica di uno specialista preclude l’esecuzione della prestazione.

N.B.

Il giorno dell’esame il paziente deve ricordarsi di portare con sè i precedenti esami radiologici (Radiografie, Tac, Risonanze, Ecografie, Visite, ecc.), anche se eseguiti in altra sede.

Norme di preparazione

Per la corretta esecuzione dell’esame è indispensabile eseguire la seguente dieta i due giorni precedenti l’esame:

  • Alimenti permessi: latte, yogurt, formaggio, carne, pesce, brodo, succhi di frutta.
  • Alimenti non permessi: frutta, verdura, pane, pasta, riso, zucchero, alcolici, superalcolici, bevande gassate.

Il giorno precedente l’esame è indispensabile eseguire la seguente preparazione:

Ore 8.00 assumere 1 flacone intero di xprep oppure 12 confetti di PURSENNID

Ore 13.00 pranzo leggero seguendo la dieta con gli alimenti permessi.

Ore 17.00 20g di solfato di magnesio (sale inglese) in ¾ di bicchiere di acqua tiepida.Bere 2 lt di acqua non gassata nelle 4-5 ore successive

Ore 21.00 eventualmente bere una tazza di brodo caldo.

Da questo momento inizia il digiuno completo.

Durata dell’esame: Da 30 da 45 minuti

Domande Frequenti (F.A.Q.)

Il clisma opaco è doloroso?

Spesso l’esame risulta essere fastidioso a causa della necessaria introduzione di una sonda rettale e dell’esigenza di dilatare l’intestino con del contrasto liquido e con insufflazione di aria.

Posso avere una reazione allergica durante l’esame del clisma opaco?

No, poiché la mucosa gastro-intestinale non assorbe il mezzo di contrasto.

Questo testo è stato redatto dagli specialisti di Humanitas Mater Domini. Nessuna parte di esso può essere in alcun modo riprodotta per terze parti o da queste utilizzata. Autore: Manuel Francescato,Tecnico del Servizio di Radiologia Data di pubblicazione: 20/03/2014