A cosa serve l’esame del sodio?

L’adattamento dei mammiferi alla vita terrestre ha comportato lo sviluppo di complessi meccanismi di controllo dell’omeostasi che includono sistemi di regolazione dell’acqua, del pH e degli elettroliti sia a livello intracellulare che extracellulare.

Il sodio rappresenta il principale catione extracellulare e svolge un ruolo fondamentale nella regolazione della distribuzione dell’acqua nei diversi compartimenti del nostro organismo; condiziona notevolmente la pressione osmotica del liquido extracellulare, contribuisce al mantenimento dell’equilibrio acido-base, influenza i livelli ematici di Cloro e Potassio, aiuta a favorire la funzione neuromuscolare.

Lo scopo del dosaggio del Sodio è quindi quello di valutare l’equilibrio liquidi-elettroliti ed acido base e le funzioni correlate, renale, surrenale e neuromuscolare.

Tipo di campione e preparazione del paziente

Il dosaggio del Sodio può essere effettuato sia su campione di sangue sia su campione di urine delle 24 ore.

Il paziente può sottoporsi al prelievo di sangue dopo un digiuno di almeno 3 ore.

La raccolta del campione di urine delle 24 ore prevede lo scarto della prima minzione del mattino della prima giornata di raccolta e la conservazione della prima minzione della seconda giornata.

Intervalli di riferimento

137 – 144 mmol/l (sangue)
80 – 180 mmol/24 ore (urine)

Tempi di consegna: 2 giorni

Prenotazione: No

Eseguibile al sabato: Si