Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

I bambini bilingue hanno una mente più agile. Vero o falso?

 

Sì, yes, oui. Non è una novità che i bambini apprendano le lingue più facilmente rispetto agli adulti. Uno studio condotto dalla Washington University ha però evidenziato una novità: il potenziamento cognitivo dovuto proprio al bilinguismo infantile.

Cadono così le paure dei genitori, che ritenevano l’apprendimento precoce di più lingue potesse essere fonte di confusione per i propri figli. Già durante la gravidanza, infatti, sembra che il bambino sia predisposto a percepire suoni e lingue diverse. Questa inclinazione continua anche dopo la nascita, quando il neonato inizia a distinguere le diverse parole e i suoni che le compongono. Ma i risvolti dell’indagine non si fermano qui: lo studio ha interessato 16 bambini di una decina di mesi di cui una metà aveva genitori madrelingua inglesi, mentre l’altra proveniva da coppie anglo-ispaniche. Al campione sono stati fatti ascoltare 20 minuti di parole di una o dell’altra lingua, monitorando le reazioni cerebrali.

Verso gli stimoli linguistici, i bambini bilingue hanno mostrato un’attività più intensa della corteccia frontale e prefrontale. A queste due aree compete lo sviluppo delle funzioni esecutive, cioè quelle funzioni (es. attenzione e memoria di lavoro) che consentono di pianificare le proprie azioni: ad esse si deve una maggiore abilità di problem solving ed una migliore gestione della propria attenzione nel selezionale parole e strutture frasali appartenenti a lingue diverse.

 “Alla luce di questi risultati, sin dalla più tenera età si può incentivare l’insegnamento di più lingue. Il consiglio è quello di parlare la propria lingua. Se i due genitori parlano due lingue diverse con il bambino, quindi, dovranno parlare ognuno la propria lingua, salvo nei momenti comuni in cui si parlerà la lingua principale. Se entrambi i genitori parlano la stessa lingua, diversa dal contesto culturale, si dà invece indicazione di parlare la propria lingua e lasciare che sia il contesto e la scuola a formare il bambino circa la sua seconda lingua.. L’esperienza dimostra però che, al di là del “come”, per assicurarsi buoni risultati è fondamentale seguire con costanza una linea di condotta comune”, spiega la dottoressa Noemi Terruzzi, logopedista di Humanitas Mater Domini.


Come interpretare l’abitudine dei piccoli bilingui a mixare suoni, parole, espressioni?

E’ la conseguenza, assolutamente naturale, di imparare due lingue in parallelo. La capacità di apprendimento è identica a quella dei monolingui, se non fosse che lessico ed abilità morfosintattiche sono diversi.
Il bimbo che, pur di parlare ed esprimersi, attinge a differenti vocabolari, non ha nessun difetto: al contrario, mostra di possedere una risorsa e abilità comunicativa in più.

 

Ulteriori informazioni? Consulta l'Ambulatorio di Logopedia di Humanitas Mater Domini.

L'OSPEDALE

Ospedale Humanitas Mater DominiOspedale polispecialistico. Aree dedicate alla cura di malattie cardiovascolari, ortopediche, oncologiche. Centro diagnostico.

INIZIATIVE ED EVENTI

Iniziative ed Eventi Mater DominiConsulta le iniziative e gli eventi di educazione sanitaria organizzati dall'Ospedale.

NEWS

News Humanitas Mater DominiScopri le ultime novità e i consigli per vivere meglio dei nostri specialisti.

Leggi tutte le news.