Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Disturbi dell’apprendimento? Impariamo a riconoscerli!

Il momento dei compiti a casa è spesso motivo di litigi e discussioni? Il tuo bambino ha un rendimento scolastico carente?
In alcuni casi, i bambini manifestano difficoltà dovute ad una scarsa motivazione nei confronti della scuola, immaturità, deficit cognitivo, deficit sensoriale.
A volte, invece, potrebbe esserci un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA).

 

Quando è corretto parlare di Disturbo Specifico dell’Apprendimento?

In Italia, si stima che il 3-5% della popolazione in età scolare ha una diagnosi di Disturbo Specifico dell’Apprendimento.
“Comunemente chiamati DSA, sono disturbi che coinvolgono la capacità di leggere, scrivere, calcolare in maniera corretta e si manifestano nel bambino durante i primi anni di scuola. In questi casi, il ruolo di genitori ed insegnanti è fondamentale: ogni minimo sospetto di un simile disturbo deve essere immediatamente preso in considerazione e comunicato agli specialisti. Loro si occuperanno di svolgere un’accurata valutazione per comprendere le difficoltà specifiche del bambino, giungere ad un’eventuale certificazione di DSA e definire poi un trattamento personalizzato”, spiega la dottoressa Federica Danisi, psicologa dell' Ambulatorio di Psicologia dell’Infanzia e dell’Età evolutiva del Poliambulatorio Humanitas Mater Domini di Lainate.

DSA: sono quattro le principali forme

•    Dislessia: disturbo specifico della lettura (difficoltà a leggere)
•    Disortografia: disturbo specifico della scrittura (difficoltà a tradurre i suoni che compongono le parole in simboli grafici)
•    Disgrafia: disturbo specifico nella grafia (difficoltà nell’atto dello scrivere)
•    Discalculia: disturbo specifico delle abilità di numero e di calcolo (difficoltà a comprendere il valore dei numeri)

Mio figlio ha un DSA! Cosa posso fare?

“A seconda delle specifiche difficoltà di ciascun bambino, è possibile impostare un trattamento personalizzato che viene definito dopo aver individuato le specifiche aree in cui le singole abilità sono maggiormente compromesse. Questo avviene utilizzando metodologie informatiche e cartacee, sempre coinvolgenti ed interattive. Saranno necessarie quindi la motivazione e la costanza sia del bambino che della famiglia che lo accompagnerà in questo percorso. Un intervento globale coinvolge la famiglia e gli insegnanti, attraverso incontri specialistici durante i quali condividere strategie psicoeducative personalizzate finalizzate alla stesura del Piano Didattico Personalizzato, alla gestione dei compiti a casa e dei bisogni educativi di ogni bambino”, conclude la dottoressa Federica Danisi.

Per maggiori informazioni e per approfondimenti, visita l’Ambulatorio di Psicologia dell’Infanzia e dell’Età evolutiva del Poliambulatorio Humanitas Mater Domini di Lainate

L'OSPEDALE

Ospedale Humanitas Mater DominiOspedale polispecialistico. Aree dedicate alla cura di malattie cardiovascolari, ortopediche, oncologiche. Centro diagnostico.

INIZIATIVE ED EVENTI

Iniziative ed Eventi Mater DominiConsulta le iniziative e gli eventi di educazione sanitaria organizzati dall'Ospedale.

NEWS

News Humanitas Mater DominiScopri le ultime novità e i consigli per vivere meglio dei nostri specialisti.

Leggi tutte le news.