Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

News

Stampa

Temporaneo blocco delle prenotazioni on-line

.

A causa di un temporaneo blocco del sito internet, le richieste di prenotazione on-line eseguite da venerdì 9 a lunedì 12 giugno possono non essere state registrate dal sistema.

Ci scusiamo per il disagio, certi che vogliate rinnovarci la Vostra fiducia contattando nuovamente il nostro Servizio Clienti.

 

Clicca qui per conoscere tutte le alternative per PRENOTARE una visita od un esame con i nostri specialisti.

Stampa

Spermiogramma: un esame per lui

.

Sospetta infertilità maschile? Lo spermiogramma e la spermiocoltura, sono gli esami consigliati per “lui”.

Esami, che da qualche settimana, possono essere eseguiti in Humanitas Mater Domini.


Cos’è lo spermiogramma?

Lo spermiogramma consiste nell’analisi del liquido seminale, per verificare fertilità e lo stato di salute di tutto l’apparato genitale.

I parametri più comuni che vengono misurati sono l'aspetto (colore), il pH, la viscosità, il tempo di fluidificazione, la concentrazione ossia il numero di spermatozoi per ml (valori bassi possono essere indice di malfunzionamento dei testicoli, ad esempio per problemi legati al varicocele o a danni testicolari pregressi), la percentuale di forme normali, la percentuale di motilità degli spermatozoi (possono diminuire in caso di flogosi prostatica), la concentrazione dei leucociti per ml di sperma (può aumentare in caso di flogosi prostatica).
L'assenza completa di spermatozoi nell'intero eiaculato, condizione che va sotto il nome di Azoospermia, comporta l'indicazione ad eseguire una serie di indagini andrologiche e genetiche, per riuscire a trovarne la causa e poter fornire un'alternativa all' impossibilità a concepire per via naturale.

“Negli ultimi cinquant’anni la qualità del liquido seminale si è ridotta notevolmente. Lo spermiogramma resta quindi la prima indagine da effettuare dopo tentativi falliti per ottenere una gravidanza in modo naturale. Questo consente di capire la strada da intraprendere per iniziare un iter diagnostico maschile o femminile oppure per l’applicazione di tecniche di procreazione medicalmente assistita”, spiega la dottoressa Alessia Bettaccini, Biologa Seminologa e Specialista in Microbiologia e Virologia di Humanitas Mater Domini.

 

Cos’è la spermiocoltura?

La spermiocoltura è l'esame che permette di rilevare la presenza e la tipologia di eventuali microrganismi patogeni all'interno di un campione di sperma. La presenza di germi patogeni nel liquido seminale di una coppia infertile, potrebbe spiegare le cause di una possibile subfertilità o un possibile ostacolo (ostruzione) all'emissione degli spermatozoi prodotti dai testicoli nel liquido seminale. Questo esame è utile per individuare le infezioni a carico degli organi dell'apparato genitourinario maschile, ovvero: la prostata, le vescicole seminali, l'epididimo e l'uretra (l'esame diagnostico d'elezione, per la ricerca di agenti patogeni nell'uretra, è il tampone uretrale).

 

Per prenotare l'esame, telefonare al numero 0331 476210.

Stampa

Infradito: gioie e dolori per i nostri piedi

.

E’ arrivato il primo grande caldo e la voglia di libertà coinvolge anche i nostri piedi. Al via le scarpe aperte o il poter “ciabattare” ovunque e allegramente con le infradito: certamente in spiaggia, ma anche al supermercato o gironzolando per negozi.

Nei mesi più caldi sono molto diffuse, se ne trovano di tutte le fogge e di diversi materiali. E se la loro comodità è indubbia, fanno bene la salute dei nostri piedi?

Ecco i consigli del dottor Nicola Del Bianco, ortopedico del Centro di Chirurgia del Piede di Humanitas Mater Domini.

 

Comode o pericolose?

Indossando le infradito, come unico punto di aggancio alla calzatura il piede ha solo la stringa fra l’alluce e il secondo dito. Per non perdere aderenza alla ciabatta, dunque, si trova costretto a flettere le dita in una posizione a tenaglia. Una costante contrattura che, con il passare del tempo, non coinvolge solo le dita del piede, ma anche tutta la muscolatura della gamba, portando ad una maggiore affaticabilità muscolare o addirittura a dolorose tendiniti.

“Teoricamente, le infradito non sono particolarmente dannose in un piede conformato anatomicamente sano. Occorre però non dimenticare che i piedi sono da ritenersi “difettosi” anche se non vengono comunemente ritenuti tali perché asintomatici. E sono la maggioranza dei casi. In questa evenienza, le infradito accentuano il difetto presente. Alcune conformazioni del piede risultano talmente comuni da essere considerate para-fisiologiche e ne consegue una mancanza di attenzione alle calzature. Camminando con le infradito, deambulando quindi senza sostegno al piede, si sviluppano delle vere e proprie patologie”, spiega lo specialista.

E’ questo il caso del piede cavo, molto comune nelle donne, dove la fascia plantare che chiude l’arco del piede si comporta come la corda tesa di un arco: camminare a lungo sottoponendo questa corda a continuo stress, come avviene in una calzatura senza tacco, porta all’infiammazione di questa “corda”, provocando la fascite plantare ed accentuati dolori al tallone.

Altro caso è il piede pronato, ossia un piede che “cade internamente”: si appoggia a terra con il margine interno, con l’apparente scomparsa dell’arco plantare.

“In entrambi i casi, oltre alla fascite plantare, si può manifestare una facile affaticabilità della pianta del piede e del suo margine interno.
A questo corrisponde anche un assetto errato delle ginocchia che, cadendo all’interno, convergono l’una verso l’altra con possibili dolori”, afferma lo specialista.

Da queste evidenze si comprende come, indossando le infradito, tutta la postura risulti alterata con un’andatura completamente squilibrata. Risulterà alterato e patologico anche il carico sull’ossatura del piede che, sbilanciato, a lungo andare può portare ad uno stress osseo che può arrivare fino alle cosiddette fratture metatarsali da fatica. Spesso trascurate perché, in assenza di un trauma vero e proprio, non ne siamo consapevoli e quindi non vengono diagnosticate.

 

 Vuoi saperne di più? Visita il Centro di Chirurgia del Piede di Humanitas Mater Domini.

 

L'OSPEDALE

Ospedale Humanitas Mater DominiOspedale polispecialistico. Aree dedicate alla cura di malattie cardiovascolari, ortopediche, oncologiche. Centro diagnostico.

INIZIATIVE ED EVENTI

Iniziative ed Eventi Mater DominiConsulta le iniziative e gli eventi di educazione sanitaria organizzati dall'Ospedale.

NEWS

News Humanitas Mater DominiScopri le ultime novità e i consigli per vivere meglio dei nostri specialisti.

Leggi tutte le news.