É utilizzato nel trattamento della disfunzione erettile.  Trova impiego inoltre nella diagnosi della disfunzione erettile.

Che cos’è l’alprostadil?

Agisce rilassando alcuni muscoli nel pene e favorendo la dilatazione dei suoi vasi sanguigni, al fine di aumentare il flusso di sangue al pene e favorire l’erezione.

Come si assume l’alprostadil?

L’alpostradil può essere somministrato tramite infusioni in vena, iniezioni intra-cavernose o supposte intrauretrali.

Effetti collaterali dell’alprostadil

Fra i possibili effetti indesiderati si possono includere:

  • lievi emorragie alla zona di iniezione
  • dolore lieve-moderato ai genitali

È importante rivolgersi subito a un curante in caso di:

  • gonfiori (volto, gola, lingua o labbra)
  • prurito
  • orticaria
  • rash cutaneo
  • senso di pesantezza, oppressione o dolore al petto
  • anomale eiaculazioni
  • curvatura del pene eretto
  • capogiri
  • svenimenti
  • emorragie dalla punta del pene
  • sangue nelle urine
  • arrossamenti, noduli, gonfiori, sensibilità, infiammazione, intorpidimenti, sensazioni insolite o perdita di colore del pene
  • lividi o emorragie, dolore, gonfiore o arrossamenti gravi o persistenti al sito di iniezione
  • gonfiore alle vene delle gambe
  • macchie bianche o perdite dal pene
  • variazione quantitative di urina prodotta
  • battito accelerato o irregolare
  • dolore ai genitali (nuovo o in peggioramento)
  • erezioni dolorose o prolungate

Controindicazioni e avvertenze

Prima del trattamento è opportuno informare il medico:

  • circa la presenza di allergie al principio attivo, ad altri farmaci, ad altre sostanze o ad alimenti;
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori già assunti in passato, in particolare eparina e anticoagulanti o medicinali contro la disfunzione erettile;
  • se si soffre (o si è sofferto nel pregresso) di infiammazioni o infezioni al pene, malattie che si contraggono attraverso il sangue, problemi renali o alle vie urinarie, erezioni dolorose o prolungate.

Il farmaco può compromettere le capacità di guida o di manovra di macchinari pericolosi. Tale effetto collaterale può essere aggravato dall’alcol e da alcuni medicinali.
È importante consultarsi col medico in caso di erezioni dolorose o che si protraggono oltre le 4 ore.