Il capogiro è una fastidiosa e prolungata sensazione di instabilità, debolezza e senso di mancamento. Se circoscritto a poche situazioni, questo disturbo non è necessariamente spia di patologie. Associati al capogiro, possono manifestarsi anche dolori al petto, emicranie, respiro difficoltoso, aritmia cardiaca, stato confusionale, vomito, nausea, vista annebbiata e difficoltà motoria. All’origine del capogiro vi può essere l’ansia o gli attacchi di panico.

Quali sono i rimedi contro il capogiro?

Una cura efficace del capogiro prevede si agisca sulla causa scatenante. Se all’origine del disturbo vi è l’ansia, sessioni psicoterapeutiche saranno utili per guarire. Anche una cura farmacologica, trattamenti fisioterapici e mutamenti nella propria dieta, potranno rivelarsi efficaci a seconda dei casi.È bene, in presenza di capogiri, muoversi evitando bruschi movimenti. Se il disturbo si palesa con frequenza non è consigliato guidare veicoli né macchinari pericolosi. Un utile accorgimento è anche limitare l’assunzione di alcol, tabacco e caffeina.

Quali sono le malattie associate al capogiro?

Le patologie comunemente associabili al capogiro sono:

È bene precisare che questo elenco non è esaustivo; si consiglia pertanto di rivolgersi al proprio medico qualora il sintomo persistesse.

Capogiro, quando rivolgersi al proprio medico?

Quando, assieme al capogiro, si accusassero altri sintomi tra quelli elencati, sarà bene chiedere un consulto medico.