La medicina interna è un settore della medicina molto ampio, deputato alla diagnosi ed al trattamento di patologie molto diverse e complesse affrontandole dal punto di vista medico, contrapposto a quello più prettamente chirurgico.

Il medico internista si occupa di offrire assistenza ai pazienti affetti da disturbi epatologici, autoimmmuni, allergologici, gastroenterologici, reumatologici e di tutte le altre problematiche di medicina generale che non richiedono  un intervento chirurgico. L’internista è un professionista che esamina gli aspetti fisici e piscologici dello stato di salute del paziente. Egli analizza i sintomi e i segni in tutti gli organi per poi prescrivere eventuali analisi, elaborare una prima diagnosi, prescrivere una terapia al fine di  trattare diverse malattie o, se è il caso, indirizzare verso uno specialista del settore più indicato.

Quali sono le patologie trattate più spesso dal medico internista?

Le patologie più frequentemente trattate dal medico internista comprendono:

  • disturbi del fegato
  • disturbi metabolici, ormonali e immunitari
  • infezioni
  • malattie cardiovascolari
  • malattie che colpiscono i polmoni
  • malattie dei reni
  • patologie del sangue
  • patologie gastrointestinali
  • tumori

Quali sono le procedure più utilizzate dal medico internista?

Il medico internista raccoglie l’anamnesi ed esegue una visita medica obiettiva. Si tratta di una visita preliminare al fine  di svolgere, in secondo momento, approfondimenti strutturali. Questi approfondimenti possono avvalersi di una delle seguenti procedure:

Quando chiedere un appuntamento con il medico internista?

Nel momento in cui si ha la necessità di una valutazione complessiva del proprio stato psico-fisico si può richiedere un appuntamento con un medico internista. In generale si è indirizzati dal medico internista da parte del proprio medico di base, il quale prescrive gli esami che possono essere utili allo specialista per elaborare una diagnosi.