Capita spesso in momenti di intenso stress emotivo di ritrovarsi a mangiare qualcosa per semplice sfizio: si chiama fame nervosa e colpisce le abitudini alimentari, impattando negativamente sul nostro benessere psico-fisico. Come riconoscerla? Lo spiegano le dottoresse Marzia Sucameli (nutrizionista) e Laura Cazzaniga (psicologa e psicoterapeuta) di Humanitas Mater Domini.

Fame emotiva: cos’è?

“Trovarsi soli in casa, aprire il frigorifero e addentare voracemente il primo cibo che si presenta alla vista è un classico esempio di fame emotiva. Se le abbuffate si presentano con una certa frequenza e sono legate a sensazioni negative, infatti, è possibile che si istauri un circolo vizioso, per cui si tenti di far fronte a problemi o insoddisfazioni appagandoli con il cibo” spiega la dottoressa Sucameli.

Fame emotiva e fame fisica: quali le differenze?

Ci sono diversi campanelli d’allarme che aiutano a riconoscere la fame emotiva:

  1. Si presenta improvvisamente, come un bisogno da soddisfare con imminenza
  2. Si tratta di un impulso che porta a ricercare cibi spazzatura
  3. Non fornisce il senso di sazietà perché si avverte un vuoto incolmabile
  4. È legata a emozioni e sensazioni negative, quali: senso di colpa, impotenza o vergogna

Come combattere la fame emotiva

Nel caso si presentino questi campanelli d’allarme, è importante affrontare il problema, senza timori o vergogne”, afferma la dottoressa Cazzaniga. Il suo consiglio è di rivolgersi ad un nutrizionista e psicologo che, insieme, possano definire un percorso di cambiamento, volto a migliorare lo stile alimentare ed affrontare le problematiche emotive, causa dell’insano rapporto con il cibo.

 Informazioni Utili

Le visite sono erogate in regime privato.

Humanitas Mater Domini
Per prenotare, clicca qui