Che cos’è la TAC colonna cervicale?

Trattasi dello studio della colonna cervicale tramite metodica TAC.

La colonna cervicale è formata da 7 vertebre denominate cervicale uno, due, tre, eccetera.

Con la TAC della colonna cervicale generalmente ci si limita allo studio di 3 vertebre e 2 spazi, a volte 4 metameri e 3 spazi.

A cosa serve la TAC colonna cervicale?

La TAC della colonna cervicale serve a studiare le cosiddette ernie o stadi di artrosi avanzata.

È eseguita anche per studiare anomalie delle vertebre, soprattutto cervicale uno (atlante) e cervicale due (epistrofeo).

La TAC della colonna cervicale è, inoltre, utilizzata per lo studio di fratture e della patologia traumatica in genere.

Informazioni Utili

Prestazioni S.S.N.: l’assenza dell’impegnativa preclude l’esecuzione della prestazione. Si ricorda che il medico di medicina generale è tenuto a scrivere sull’impegnativa: nome, cognome ed età dell’assistito, codice fiscale, prestazione richiesta, quesito diagnostico, indicazione di eventuali esenzioni e livello d’urgenza.

Prestazioni PRIVATE: l’assenza della prescrizione medica di uno specialista preclude l’esecuzione della prestazione.

N.B.

Il giorno dell’esame il paziente deve:

  • ricordarsi di portare con sè i precedenti esami radiologici (Radiografie, Tac, Risonanze, Ecografie, Visite, ecc.), anche se eseguiti in altra sede;
  • essere munito dell’esito degli esami ematochimiciUrea e Creatinina;
  • portare con sè il consenso informato debitamente compilato dal proprio medico di medicina generale. Tale documento è indispensabile per eseguire l’esame con il mezzo di contrasto. Clicca qui per scaricare il consenso informato

L’assenza degli esami ematochimici, della prescrizione medica (impegnativa) e del consenso informato, preclude l’esecuzione della prestazione.

Durata dell’esame: 15 minuti

Norme di preparazione CON mezzo di contrasto

  • Presentarsi a digiuno da almeno 6 ore rispetto all’orario dell’esame.
  • Non è necessario sospendere l’assunzione di farmaci in uso (es. anti-ipertensivi), assumerli con un po’ d’acqua.

Norme di preparazione SENZA mezzo di contrasto

Non è prevista alcuna norma di preparazione

Domande Frequenti (F.A.Q.)

Con la TAC colonna cervicale si studia tutta la cervicale?

No, per un motivo radioprotezionistico (dose di radiazioni) con la TAC della colonna cervicale generalmente si studia solo un tratto della cervicale: due o tre spazi e tre o quattro vertebre.

Per tale motivo è importante un inquadramento clinico da parte di uno specialista al fine di poter effettuare uno studio mirato.

È meglio fare una risonanza magnetica cervicale o una TAC della colonna cervicale?

La risonanza magnetica consente un miglior studio di strutture come i dischi intervertebrali, i legamenti, il midollo. Inoltre con la risonanza viene studiata, a differenza della TAC, tutta la colonna cervicale.

Se la risonanza è, quindi, maggiormente indicata per lo studio di ernie, della patologia legamentosa e delle lesioni del midollo, la TAC della colonna cervicale continua a mantenere un ruolo di primaria importanza per lo studio del distretto osseo e delle patologie ad esso collegate, come ad esempio una spiccata artrosi.

La TAC della colonna cervicale, inoltre, continua ad essere utilizzata in tutti quei casi nei quali il paziente non può essere sottoposto a risonanza magnetica (claustrofobia, pacemaker, schegge negli occhi, eccetera).