Per ridurre il dolore al ginocchio e ripristinarne la funzionalità è possibile ricorrere alla protesi di ginocchio. A seconda dei casi, la protesi di ginocchio può essere totale (Protesi di ginocchio totale) oppure parziale (Protesi di ginocchio monocompatimentale).

Che cos’è la protesi ginocchio totale?

Nel caso in cui l’usura coinvolga più di un compartimento del ginocchio, si parla di artrosi bio tricompartimentale. In questi casi la terapia chirurgica richiede l’utilizzo di protesi al ginocchio totali.

Quando viene impiantata una protesi totale il recupero post-operatorio è lievemente più lento, ma la ripresa delle comuni attività quotidiane avviene comunque entro 45 giorni dall’intervento.

Che cos’è la protesi ginocchio monocompartimentale?

La protesi ginocchio monocompartimentale è la soluzione ideale per i pazienti con danni o artrosi del ginocchio limitati a solo una parte del ginocchio.

Negli ultimi 15 anni sono, infatti, state sviluppate delle protesi al ginocchio cosiddette monocompartimentali, che hanno lo scopo di rivestire solo il “settore” danneggiato.

Si tratta di protesi di piccole dimensioni, dette anche mini-invasive perché impiantabili attraverso incisioni di pochi centimetri, e che permettono di conservare gran parte dell’articolazione naturale. In questo modo si limita anche la perdita di sangue durante l’intervento, riducendo la necessità di trasfusioni. Abitualmente i pazienti sono in grado di alzarsi e camminare, con l’aiuto di 2 stampelle, già il giorno successivo all’intervento.

Dopo un breve periodo di riabilitazione, i pazienti sono in grado di riprendere le normali attività, per esempio guidare l’automobile e, poco dopo, anche di praticare sport a basso impatto (nuoto, bicicletta, golf).

Visite ed esami di riferimento

Percorso di cura completamente robotizzato

In Humanitas Mater Domini, per chi necessita dell’impianto di protesi di ginocchio monocompartimentale o totale è disponibile un percorso di cura completamente robotizzatodove due robot assistono gli specialisti in tutte le fasi: nella valutazione clinica, l’Intelligenza Artificiale del robot Hunova permette di approfondire lo stato di salute dell’articolazione, analizzando con maggior scientificità la funzionalità del ginocchio. Nella pianificazione preoperatoria e nell’intervento, il chirurgo ortopedico è affiancato dalla precisione millimetrica del robot Navio, mentre nella fase riabilitativa il fisioterapista può contare nuovamente sul supporto del robot Hunova per studiare percorsi riabilitativi estremamente personalizzati.

Il percorso di cura, unico in Lombardia, permette al paziente un recupero funzionale più rapido: muovere il ginocchio dopo poche ore dall’intervento, camminare dal giorno seguente, abbreviare i tempi di degenza (5 giorni circa), abbandonare le stampelle dopo sole 2 settimane e tornare alla vita quotidiana in tempi rapidi

Area medica di riferimento

Per maggiori informazioni visitare l’area medica dell’Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia di Humanitas Mater Domini.