L’endocrinologia è quel settore della medicina che si occupa di studiare le ghiandole a secrezione interna e gli ormoni in relazione alla loro natura, produzione e azione. Le ghiandole a secrezione interna sono la tiroide, le paratiroidi, l’ipofisi, l’epifisi, il timo, le ghiandole surrenali, il pancreas endocrino, la ghiandola interstiziale del testicolo, la ghiandola interstiziale dell’ovaio. Si tratta di tutte le ghiandole che rilasciano un ormone, il prodotto della loro secrezione, nei fluidi circolanti.

Di cosa si occupa l’endocrinologo?

L’endocrinologo è responsabile della diagnosi e dell trattamento di tutti quei disturbi che colpiscono le ghiandole a secrezione interna del corpo umano, e delle patologie segnalate da tali disturbi.

Tra le patologie trattate con maggiore frequenza dall’endocrinologo si segnalano:

Quali sono le procedure più utilizzate dall’endocrinologo?

L’endocrinologo è uno specialista in grado di effettuare la diagnosi di un’ampia varietà di patologie e di gestire disturbi da carenza o eccesso di uno o più ormoni e sostanze che, in molti casi, possono verificarsi anche per lungo tempo.

Alcune delle malattie più frequenti all’apparato endocrino, quali ad esempio l’ipotirodismo, il diabete mellito, la sindrome metabolica, ma anche le patologie croniche, richiedono di essere curate per tutta la vita. L’endocrinologo effettua in massima parte test di laboratorio, che usa in misura maggiore rispetto a specialisti attivi in altre branche della medicina. Molte delle patologie che si manifestano a carico delle  ghiandole endocrine devono essere diagnosticate mediante la stimolazione o l’inibizione del funzionamento della ghiandola stessa.

Ciò ha luogo somministrando agenti inibenti o stimolanti l’attività della ghiandola. In seguito, il sangue del paziente viene sottoposto ad analisi specifiche per valutare le eventuali modifiche provocate dalla sostanza somministrata. La diagnostica per immagini costituisce una parte importantissima del lavoro dell’endocrinologo.

Quando chiedere un appuntamento con l’endocrinologo?

Quando si effettuano test di laboratorio, che rivelano delle anomalie tali da lasciar pensare alla presenza di uno squilibrio endocrino, è buona norma chiedere un appuntamento con l’endocrinologo. Un appuntamento va anche chiesto quando si manifestano nuovi sintomi connessi alla propria malattia endocrina; nel caso in cui si conviva con una malattia endocrina da diversi anni, ma si stiano ravvisando problemi nella gestione della stessa; nel caso in cui si senta la necessità di avere un secondo parere sulla diagnosi e/o sulla gestione della malattia endocrina già esistente.