Principale causa di infertilità femminile e di oligoamenorrea (ridotta frequenza o assenza dei cicli mestruali), la sindrome dell’ovaio policistico (PCOs) è caratterizzata da:

  • Ipersecrezione di ormoni maschili, chiamati androgeni, che solitamente si manifesta clinicamente con un aumento della peluria in zone tipicamente maschili (il cosiddetto “irsutismo”) e/o acne
  • Riscontro all’ecografia di ovaie ingrandite, con presenza di piccole cisti (raccolte di liquido) all’interno dell’ovaio (aspetto micropolicistico)
  • Sovrappeso corporeo e/o insulinoresistenza (una condizione in cui l’insulina non riesce ad agire correttamente e sono quindi necessari livelli più alti di questo ormone perché riesca a funzionare)

Come si può curare la sindrome dell’ovaio policistico?

Le evidenze scientifiche sottolineano come un corretto regime alimentare e attività fisica abbiano un ruolo importante nel migliorare i sintomi e le complicanze della sindrome dell’ovaio policistico.

Secondo le linee guida della Endocrine Society, la terapia iniziale è la perdita di peso, affiancata da una regolare attività fisica. Una riduzione iniziale del 5% del peso corporeo (es. 5 kg per una persona di 90 kg), infatti, può consentire  la ripresa della corretta regolarità mestruale , garantendo l’ovulazione e il conseguente ripristino della  fertilità, oltre che ridurre i fattori di rischio cardiometabolici. Questo obiettivo, da ottenere e mantenere a lungo termine, va conseguito non solo nei soggetti obesi, ma anche nelle donne in sovrappeso.

Sindrome dell’ovaio policistico: consigli alimentari

Il piano alimentare a indice glicemico controllato prevede:

  • Riso e pasta integrali cotti al dente
  • Cereali integrali (orzo, farro, kamut, quinoa)
  • 3-5 porzioni di verdura e frutta al giorno: meglio evitare quella ricca in zuccheri come banane, cachi, fichi, uva, ma anche frutta disidratata e sciroppata
  • Legumi, almeno 3-4 volte a settimana
  • Pesce (sia fresco che surgelato) e carne scelta nelle parti più magre di  manzo, vitello, pollo, coniglio, tacchino, lonza di maiale. Meglio preferire la cottura a vapore, alla griglia o al forno.
  • Due uova la settimana, cucinate alla coque o sode (comprendendo il loro utilizzo per la preparazione di altri piatti).

Sindrome dell’ovaio policistico: alimenti amici e nemici

Si consiglia di limitare l’assunzione di zucchero, dolci e bevande zuccherine. Da privilegiare, invece, alimenti ricchi di grassi mono e polinsaturi, come pesce azzurro, frutta secca, olio extravergine d’oliva, olio e semi di lino, riducendo il consumo di grassi saturi come insaccati, burro, olio di palma e di cocco, formaggi stagionati, carni grasse.

Una buona idratazione è fondamentale, almeno con un litro e mezzo di acqua al giorno. Da evitare i nemici come fumo e alcolici e limitare, invece, la caffeina.

È consigliato ridurre il sale  e limitare il consumo di alimenti che ne contengono in elevate quantità, come dadi, salse o alimenti in scatola.

I 4 consigli del nutrizionista

Scopriamo 4 utili consigli con la dottoressa Elisabetta Macorsini, biologa nutrizionista di Humanitas Mater DominiHumanitas Medical Care Arese Varese.

  1. Praticare regolare l’attività fisica, soprattutto aerobica, a bassa intensità e lunga durata (corsa, camminata e nuoto). In questo modo, migliora notevolmente la risposta dei tessuti all’insulina
  2. Evitare la sedentarietà e rendere il proprio stile di vita più attivo: ad esempio si può andare al lavoro a piedi, in bicicletta o parcheggiare lontano, evitare l’uso dell’ascensore e fare a piedi le scale
  3. Eliminare il fumo perché, oltre ad essere dannoso per le ovaie, rappresenta anche fattore di rischio cardiovascolare        Clicca qui e scopri 5 consigli per smettere di fumare
  4. Se in sovrappeso, ridurre il peso e la circonferenza addominale. Valori di circonferenza vita superiori a 94 cm nell’uomo e ad 80 cm nella donna sono associati ad un rischio cardiovascolare moderato, valori superiori a 102 cm nell’uomo e ad 88 cm nella donna sono associati, invece, ad un rischio elevato. Tornare ad un peso normale permette di ridurre i livelli di glicemia nel sangue e tutti gli altri fattori di rischio cardiovascolare (ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia).

E se…

  1. Non voglio consumare primo e secondo piatto”: per chi non desiderasse consumare sia il primo che il secondo piatto, è consigliato preferire  un piatto unico di carboidrati e proteine (ad esempio pasta al tonno, pane e prosciutto, riso e piselli, insalata con uova o mozzarella accompagnata da pane o crackers). Importante, sarebbe associare sempre una porzione di verdura
  2. Ho molta fame tra un pasto e l’altro”: è possibile programmare uno o due spuntini al giorno. Meglio evitare spuntini con tanti zuccheri e preferire quelli che forniscono un apporto più proteico. Alcuni esempi: uno yogurt bianco magro accompagnato da due cucchiai di cereali integrali da colazione oppure un piccolo panino integrale (20-30 g) farcito con 30 g di affettato magro (prosciutto cotto o crudo sgrassati o bresaola). Per combattere la fame fuori pasto, si può anche tenere nel frigorifero verdure crude già pulite e pronte da sgranocchiare (ad esempio, sedano, finocchio, carote, pomodori o peperoni, secondo le preferenze individuali).

Sindrome dell’ovaio policistico: parola all’endocrinologo

La sindrome dell’ovaio policistico è una diagnosi di esclusione, poiché altre malattie possono manifestarsi con un quadro clinico simile. È necessaria, quindi, una valutazione specialistica ed esami del sangue e/o ecografie mirate”, spiega il dottor Alberto Stefano Tresoldi, endocrinologo di Humanitas Mater Domini e Humanitas Medical Care Arese, che sottolinea quanto sia importante il corretto inquadramento di questa condizione:

  1. Non tutte le PCOs sono uguali: diversi possono essere i sintomi e le problematiche legate alla sindrome, sia fra diverse pazienti, che nella stessa paziente a seconda delle diverse fasi della vita
  2. I diversi segni e sintomi associabili alla malattia, rendono fondamentale un approccio multidisciplinare, che si avvale di diversi specialisti (nutrizionista, endocrinologo, ginecologo, dermatologo, etc.)
  3. Accanto a dieta ed attività fisica, esistono trattamenti specifici volti alla gestione dei diversi problemi legati a questa sindrome.

Informazioni utili

Humanitas Mater Domini

Le visite nutrizionistiche sono erogate in regime privato.

Per prenotare clicca qui

Clicca qui per prenotare online la tua visita privata.

Le visite endocrinologiche sono erogate in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale ed in regime privato.

Per prenotare clicca qui

Clicca qui per prenotare online la tua visita privata

Humanitas Medical Care Arese

Le visite nutrizionistiche e endocrinologiche sono erogate in regime privato.
Per prenotare clicca qui

Clicca qui per prenotare online la tua visita privata.

Humanitas Medical Care Varese

Le visite nutrizionistiche e endocrinologiche sono erogate in regime privato.
Per prenotare clicca qui

Clicca qui per prenotare online la tua visita privata.