Il podologo è il professionista sanitario che si occupa della cura di tutte le patologie del piede, dai più semplici calli, alle più complesse problematiche posturali.

Quali sono le malattie trattate dalla podologia?

Fra le problematiche del piede trattate nell’Ambulatorio di Podologia ci sono:

  • alterazioni ungueali: onicocriptosi (unghia incarnita);
  • unghie ispessite e traumatizzate o di morfologia non fisiologica;
  • unghie affette da micosi o tumori che coinvolgono l’apparato ungueale;
  • alterazioni dermiche (verruche, micosi della cute, ulcere, nevi);
  • tendinopatia, tallonite, fascite plantare, gonalgia (dolori alle ginocchia), artrosi dell’anca, problemi di colonna vertebrale.

Presso l’Ambulatorio di Podologia si presta attenzione anche alla prevenzione di complicanze locali per i portatori di malattia diabetica, neurologica, vascolare, reumatologica ed ortopedica.

Quali sono le visite e gli esami?

Il podologo esegue accertamenti diagnostici tra i quali l’esame del passo e l’esame stabilometrico, interessandosi dell’evoluzione della deambulazione, della postura in generale e sulla postura applicata allo sport. Lo scopo è di prevenire le frequenti alterazioni anatomiche del piede e dell’apparato muscolo scheletrico, realizzando, se necessario, ortesi plantari su misura.

L’esame del passo serve per rilevare anomalie sulla posizione dei vari segmenti del piede e sulla posizione degli arti inferiori, facendo deambulare il paziente su una pedana stabilometrica dove vengono evidenziate tutte le fasi del passo. La pedana stabilometrica permette di valutare le modificazioni posturali del paziente, analizzando i vari sistemi recettoriali del corpo (occhio, vestiboli, ricettori muscolo-scheletrici, piedi, occlusione dentale).

News

Leggi i consigli dei nostri specialisti

Piedi: anche le unghie si ammalano