In Humanitas Mater Domini è presente “da Vinci X”, il primo robot chirurgico di questo modello installato in Lombardia, il secondo in Italia.

Cos’è il sistema robotico da Vinci?

La chirurgia robotica rappresenta la nuova frontiera della chirurgia mininvasiva. Il robot “da Vinci”, uno dei robot chirurgici più diffusi al mondo, conferisce al gesto chirurgico una precisione non confrontabile con altre tecniche e permette di superare i limiti legati alla difficoltà di trattare, con la laparoscopia, patologie in sedi anatomiche difficili da raggiungere. La chirurgia da Vinci, estendendo ad interventi complessi i benefici della mininvasività, permette una estrema versatilità dei movimenti e consente di raggiungere spazi anatomici ristretti e profondi.

Quali sono i vantaggi per il paziente?

  • Piccole incisioni con migliori risultati estetici
  • Minore necessità di trasfusioni
  • Minor dolore post-operatorio
  • Riduzione tempi di ospedalizzazione, che in molti casi vengono addirittura dimezzati
  • Ripresa più rapida della normale attività

Quali interventi si possono eseguire?

Con il Robot “da Vinci”, l’équipe di Urologia di Humanitas Mater Domini esegue interventi di complessità crescente.
La prostatectomia radicale (rimozione totale della prostata) è una procedura ormai consolidata con il da Vinci ed è possibile effettuarla sia contemporaneamente all’asportazione dei linfonodi locoregionali (linfoadenectomia), sia con tecnica “nerve sparing”, che permette il mantenimento delle terminazioni nervose allo scopo di ridurre le problematiche legate alla ripresa della funzionalità sessuale.

La chirurgia urologica robotica, inoltre, consente il trattamento di tumori al rene, di patologie ostruttive o malformative dell’uretere ed il trattamento, in casi selezionati, di patologie pelviche (es. prolasso vescicale).

Nei prossimi mesi, la chirurgia robotica sarà utilizzata anche nel trattamento delle  patologie del colon-retto. Un approccio all’avanguardia per malattie che hanno un crescente impatto sociale. Sino ad ora oltre alla chirurgia tradizionale si eseguiva presso il nostro Istituto la chirurgia laparoscopica. Ora, con il Robot “da Vinci”, l’équipe eseguirà le resezioni colon rettali anche con approccio robotico sia per il trattamento delle patologie maligne che per le  patologie benigne ”, conclude il dottor Walter Zuliani, responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia dell’Istituto.

Robot “Da Vinci”: come funziona?

Il chirurgo, fisicamente lontano dal campo operatorio e seduto alla consolle, muove gli strumenti robotici, intercambiando la funzione dei bracci meccanici. Il robot (carrello chirurgico) che è posto a lato del letto operatorio, trasmette i movimenti del chirurgo ai bracci dove sono montati speciali strumenti operatori in grado di eseguire all’interno del corpo umano gesti fluidi ed estremamente precisi.

Il sistema robotico da Vinci si compone di:

  • Console chirurgica: è il centro di controllo. La tecnologia minimizza l’impatto del tremore fisiologico delle mani del chirurgo o di movimenti involontari;
  • Carrello paziente: si compone di 4 braccia movimentabili e interscambiabili, montate su un’unica colonna, dedicate al supporto della telecamera endoscopica e di strumenti da 8 mm. Tali strumenti, chiamati Endowrist, consentono libertà di movimento su 7 assi (a differenza dei 5 gradi degli strumenti di laparoscopia convenzionale) e una rotazione di circa 540°;
  • Carrello visione: contiene l’unità centrale di elaborazione e processamento dell’immagine.

La piattaforma da Vinci è l’unico sistema robotico che:

  • traduce i movimenti del chirurgo in modo intuitivo
  • permette una reale visione 3D del campo operatorio. Il chirurgo viene letteralmente “immerso”, senza ausilio di occhiali o altre apparecchiature, all’interno del corpo del paziente.
  •  consente di intervenire attraverso la tecnologia Single-Site con unico accesso attraverso l’ombelico.