L’Acido Folico è una vitamina idrosolubile introdotta nell’organismo mediante l’alimentazione, assorbita a livello intestinale e immagazzinata nel fegato. Svolge un ruolo fondamentale per il buon funzionamento dei globuli rossi e bianchi e per il metabolismo degli aminoacidi e dei nucleotidi.

L’Acido Folico si utilizza per curare o prevenire mancanze dello stesso Acido Folico, che possono essere rischiose sia durante la gravidanza che in altri momenti della vita.

Durante la gravidanza la mancanza di Acido Folico può infatti alterare il buono sviluppo del sistema nervoso del feto. Inoltre, può anche provocare anemia.

Che cos’è l’Acido Folico?

L’Acido Folico opera integrando la mancanza di questa stessa molecola.

Come si prende l’Acido Folico?

L’Acido Folico si prende per bocca, in forma di pastiglia da prendere di solito una volta al dì.

Effetti collaterali dell’Acido Folico

È fondamentale avvertire immediatamente un medico nel caso in cui l’assunzione di Acido Folico provochi:

Controindicazioni e avvertenze sull’utilizzo di Acido Folico

Prima di prendere l’Acido Folico è fondamentale avvertire il medico:

  • di possibili allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad ogni altro medicinale, a cibi o ad altre sostanze dei farmaci, dei fitoterapici e degli integratori presi, nello specifico fenitoina e vitamine;
  • delle patologie e dei disturbi di salute di cui si soffre (o si ha sofferto);
  • in presenza di gravidanza o allattamento.

Durante la terapia il medico potrebbe indicare certe precauzioni alimentari, per esempio incrementare il consumo di fegato, frutta e verdura a foglie verdi fresca.