Quando si parla di tumore, la prevenzione inizia anche con un sano stile di vita, una corretta alimentazione, un equilibrato ritmo del sonno e regolare attività fisica.

Alimentazione: il primo passo per la prevenzione

Numerosi studi confermano la correlazione tra obesità e tumore, soprattutto per il seno. Un a corretta alimentazione, quindi, può aiutare a seguire uno stile di vita sano che allontani dal rischio obesità.

Per rendere equilibrata l’alimentazione e assumere quotidianamente i nutrienti di cui il corpo necessita, occorre variare la propria dieta.  Si inizia con almeno 5-7 porzioni al giorno di frutta e verdura di stagione, possibilmente km0. Questi alimenti sono importanti fonti di vitamine (C, E, A, K, B), sali minerali, fibre e flavonoidi (pigmenti vegetali responsabili della tipica colorazione della frutta e verdura) che sono ricchi anche di antiossidanti (sostanze benefiche che contrastano l’azione dannosa dei radicali liberi)”, afferma la dottoressa Laura Carabelli, dietologa di Humanitas Mater Domini.

Quali sono i colori della salute?

  • Bianco delle cipolle e dei finocchi
  • Giallo-arancio della zucca, del peperone e degli agrumi
  • Rosso-viola delle melanzane, dei pomodori, dei mirtilli e dei lamponi
  • Verde degli spinaci, dei broccoli e dei carciofi

Si consiglia di  assumere i carboidrati integrali come grano, orzo, farro, avena o gli pseudo-cereali come quinoa e amaranto, ricchi di fibra utile a nutrire la flora batterica intestinale e regolare l’assorbimento di zucchero e grassi.

Ai salumi (ricchi di nitriti e nitrati) e alla carne rossa, soprattutto quella processata (cioè stagionata, con sale, essiccata o inscatolata), preferire il pesce.  Ottima fonte proteica, il pescato è ricco di Omega 3, acidi grassi essenziali importanti per la loro funzione antiinfiammatoria  e cardioprotettiva. Anche i legumi sono fonti di proteine alternative che, se abbinate ai carboidrati, completano il pasto. Ricchi di Vitamine del gruppo B e sali minerali (calcio, ferro e magnesio), hanno un elevato contenuto di fibre alimentari, amiche dell’intestino. Altra fonte di proteine e calcio, i latticini sono importanti per la crescita, ma per evitare un eccessivo apporto di grassi saturi e colesterolo, si consiglia di limitarne l’assunzione con l’età. Lo yogurt, invece, rimane una preziosa fonte di prebiotici e probiotici che rafforzano l’ecosistema intestinale.

Posizionati in cima alla piramide alimentare per il loro elevato indice glicemico, lo zucchero e dolci sono un fattore di rischio per l’obesità e il diabete. È consigliato consumarli a colazione o sostituirli con la frutta secca (mandorle, noci, nocciole), fonte di sali minerali e acidi grassi essenziali (Omega 3 e 6).  Preparare il dolce in casa potrebbe essere un  ottimo compromesso per limitare lo zucchero. La ricetta ideale dovrebbe prevedere  un uovo (fonte proteica e di Vitamina A e D), la farina integrale, la frutta fresca e quella secca. Si può integrare anche il cioccolato fondente all’80%, che, per il suo contenuto di antiossidanti, può migliorare anche l’umore”, conclude la specialista.

E l’attività fisica?

 

Scopri il Progetto Sorrisi in Rosa e ascolta le storie di rinascita delle 16 donne protagoniste

Informazioni utili

In Humanitas Mater Domini le visite dietologiche sono erogate in regime privato.

Clicca qui per prenotare online la tua visita.