Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

News

Stampa

Ginnastica intima tutta al femminile: impariamo ad allenare il pavimento pelvico

.

Una zona muscolare ancora poco conosciuta, ma molto importante per il benessere femminile, è il pavimento pelvico.

Che cos’è il pavimento pelvico? Perché è così importante?

Il pavimento pelvico è un’area muscolare strategica che comprende un insieme di fasce muscolari e legamenti che chiudono la parte inferiore della cavità addominale (la parte “bassa” del bacino), formando una sorta di “amaca”. Proprio qui si appoggiano gli organi pelvici (vescica, uretra, utero, vagina, retto), ed è proprio per questa sua preziosa funzione, che la sua resistenza e, quindi, l’allenamento del pavimento pelvico è significativo.

Pavimento pelvico: allenare prima di curare!

Allenare il pavimento pelvico è importante perché:

  • durante l’età fertile, può garantire maggior piacere sessuale, contribuendo al miglioramento della contrazione orgasmica.
  • durante la gravidanza, viene particolarmente sollecitato e di conseguenza indebolito. Un pavimento pelvico ben allenato, soprattutto durante i 9 mesi, potrà regalare alla donna molti benefici, tra i quali la possibilità di evitare un’eccessiva lacerazione durante il parto.
  • in menopausa, problemi di incontinenza urinaria e prolassi possono essere causati da una perdita di elasticità dei tessuti muscolari pelvici, poco allenati o atrofici a causa dell’età. Anche in questo caso, entra in gioco l’importanza di una pratica regolare di esercizi mirati a rafforzare il pavimento pelvico e rendere l’area il più elastica possibile.


Ginnastica per il pavimento pelvico: una buona abitudine!

Chiarita l’importanza di avere un pavimento pelvico ben allenato, ora la domanda è: a chi bisogna rivolgersi? Esistono dei corsi specifici?
Una risposta a tutte queste domande, è possibile con le specialiste dell’Ambulatorio di Ginnastica del Pavimento Pelvico di Humanitas Mater Domini e dei suoi centri medici, il Poliambulatorio di Lainate e Humanitas Medical Care (Arese).
Istruire le donne sull’importanza del pavimento pelvico e, in particolare, sulla necessità di prendere coscenza dell’importanza del proprio perineo in tutte le fasi della vita, ridurre rischi di incontinenza urinaria, vulvodinia, vestibuliti, prolassi, episiotomia e lacerazione da parto è possibile grazie all’esecuzione di corretti esercizi. Li spiegano le ostetriche Sara Bianchi e Nicole Moroni, le specialiste dell’ambulatorio.


Come funziona l’Ambulatorio dedicato alla ginnastica pelvica?

L'Ambulatorio è attivo in Humanitas Mater Domini, al Poliambulatorio di Lainate e in Humanitas Medical Care.

“Durante sedute di 30 - 45 minuti circa, si valuterà la forza e la resistenza dei muscoli pelvici e tramite tecniche mirate come la chinesiterapia e la tens si eseguiranno semplici esercizi di contrazione e rilassamento dei muscoli interessati. Infine, utilizzando varie tecniche di respirazione, si giungerà alla piena consapevolezza e conoscenza del proprio pavimento pelvico, essendo così in grado di esercitarlo quotidianamente. Una volta apprese le giuste tecniche, una buona abitudine è quella di proseguire gli esercizi anche a casa, allenando il proprio pavimento pelvico anche nel quotidiano”,  spiega Sara Bianchi.
“Se si riscontrano difficoltà a contrarre volontariamente i muscoli perineali o se si avverte del dolore pelvico cronico, la soluzione può risiedere nell’elettrostimolazione, tecnica di ginnastica passiva, totalmente indolore, indicata proprio in questi casi,” conclude Nicole Moroni.

La ginnastica pelvica è una pratica ancora poco conosciuta, ma è importante diffondere il messaggio di quanto possa essere una valida soluzione a problematiche femminili molto comuni, dall’incontinenza urinaria ai dolori mestruali, fino al raggiungimento di una piena percezione e consapevolezza del proprio corpo.

Per saperne di più, scopri subito le attività del nuovo Ambulatorio di Ginnastica del Pavimento Pelvico.

Stampa

Parkinson. I campanelli d’allarme da non sottovalutare

.

Movimenti rigidi e lenti, tremori a riposo sono le principali caratteristiche del morbo di Parkinson.
“Il morbo di Parkinson si presenta a seguito della progressiva degenerazione delle cellule nervose del cervello, responsabili della produzione della dopamina, il neurotrasmettitore che regola numerose funzioni dell’organismo: controllo del movimento, comportamento, umore, ritmo del sonno, memoria, ecc.,” spiega il dottor Michele Perini, neurologo di Humanitas Mater Domini e responsabile dell’Ambulatorio di Malattie Neurodegenerative.
Per quanto sia esatto considerare il Parkinson una patologia che influenza la capacità di muoversi ed avere il pieno controllo del proprio corpo, spesso, purtroppo, si manifesta in sordina, non palesandosi con sintomi riconoscibili e collegabili direttamente alla patologia.
Esistono, infatti, dei piccoli segnali di avvertimento che, a volte, si manifestano diverso tempo prima rispetto alla comparsa della patologia. Questi possono essere considerati dei veri e propri campanelli d’allarme.

Quali sono i segnali da non sottovalutare?

  • Perdita di espressività. La carenza di dopamina rende i muscoli facciali rigidi. Può manifestarsi modificando le funzionalità del viso, che fatica a tradurre in espressioni le emozioni e i sentimenti che si provano.

  • Modifica nel tono della voce. Le parole si confondono, il tono della voce diventa sempre più debole e privo di intensità verbale. Siamo di fronte ad un altro segnale precoce causato dalla mancanza di dopamina.

  • Senso dell’olfatto compromesso. E’ considerato uno dei primi campanelli d’allarme del morbo di Parkinson e, nella maggioranza dei casi, non viene preso in considerazione. La perdita dell’olfatto, direttamente poi collegata alla perdita del gusto, è un chiaro segnale della mancanza di dopamina nell’organismo.

  • Difficoltà a controllare i movimenti delle braccia. Un ulteriore segno da non sottovalutare è collegato, nuovamente, al controllo dei movimenti e, in particolare, alla rigidità dei muscoli. Le braccia faticano ad oscillare mentre si cammina poiché le movenze del corpo non riescono a recepire le richieste del cervello.

  • Stati di indifferenza emotiva. La personalità si modifica, l’umore è instabile, si presentano momenti di apatia, la voglia di socializzare si azzera e sopraggiungono episodi di depressione. Sono alcuni dei segnali che indicano un cambiamento generale della personalità, che può essere causato anche dal sopraggiungere della malattia.

  • Mutamento nella sudorazione. Il morbo di Parkinson, colpendo il sistema nervoso, può compromettere l’autoregolazione dell’organismo. Reazioni come la sudorazione possono mutare considerevolmente, come aumentare senza alcuna ragione apparente. Anche l’aspetto dell’incarnato, in particolare del viso, può subire delle variazioni, diventando eccessivamente oleoso e seborroico.

  • Ipotensione e stipsi ostinata. Anche la pressione bassa e problemi intestinali, come la stitichezza, sono due disturbi dovuti alla carenza di dopamina nel sistema nervoso che regola la funzionalità dei visceri. Questi sintomi precedono di anni i sintomi motori e successivamente coesistono con questi.

“Il tipico tremore collegato al morbo di Parkinson, dunque, non è il solo e unico segnale da tenere in considerazione. Il tremore, infatti, non è un sintomo presente dall’inizio della patologia, ma può manifestarsi con il tempo, quando la malattia è già progredita. Proprio per questo motivo, è importante valutare in maniera corretta quei campanelli d’allarme, non sempre collegati al movimento, che possono preannunciare il morbo di Parkinson”,  conclude il dottor Michele Perini.

Per approfondimenti, visita l’Ambulatorio di Malattie neurodegenerative: Parkinson e Alzheimer.

Stampa

“Allattiamo?!” – Falsi miti e leggende metropolitane sull’allattamento e le prime cure materne

.

Sabato 11 novembre, mamme e allattamento al centro dell’incontro organizzato
dalle specialiste di Humanitas Mater Domini.

 

Tra i primi legami che si creano tra neonato e mamma, l’allattamento è sicuramente uno dei più importanti. Esistono, però, numerosi falsi miti e leggende metropolitane sia sull’argomento “allattamento” che sulle prime cure materne.
E’ proprio con questa logica che nasce l’incontro “Allattiamo?!”, coordinato da un team di specialiste di Humanitas Mater Domini, che si terrà sabato 11 novembre alle ore 10.30 presso il Palace Hotel a Legnano.
Corretto attaccamento al seno, le giuste posizioni per allattare, problemi e difficoltà legate all’allattamento e i rimedi fai-da-te, sono solo alcuni degli argomenti che verranno trattati dalle dottoresse Elena Corradini (ginecologa), Sara Bianchi (ostetrica), Pamela Franchi (psicologa).

Il benessere della donna e del bambino saranno al centro dell’incontro e il confronto con le specialiste permetterà di far luce su un argomento così importante come l’allattamento, ma non solo! Obiettivo principale sarà anche fornire al pubblico informazioni corrette, in particolare sulle preziose risorse insite nel DNA femminile.

La partecipazione è aperta a tutti ed è gratuita, ma è gradita la prenotazione essendo i posti limitati.
Prenota subito il tuo posto scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

L’appuntamento è quindi per sabato 11 novembre alle ore 10.30 presso il Palace Hotel a Legnano in via per Castellanza, 41.

Vi aspettiamo!

Scarica il flyer dell'incontro!

 

 

Allegati:
Scarica questo file (Allattiamo_11novembre.pdf)Allattiamo_11novembre.pdf[ ]211 Kb

L'OSPEDALE

Ospedale Humanitas Mater DominiOspedale polispecialistico. Aree dedicate alla cura di malattie cardiovascolari, ortopediche, oncologiche. Centro diagnostico.

INIZIATIVE ED EVENTI

Iniziative ed Eventi Mater DominiConsulta le iniziative e gli eventi di educazione sanitaria organizzati dall'Ospedale.

NEWS

News Humanitas Mater DominiScopri le ultime novità e i consigli per vivere meglio dei nostri specialisti.

Leggi tutte le news.