L’Acido Acetilsalicilico è un derivato dell’acetilato dell’acido salicilico con proprietà antinfiammatorie, analgesiche e antipiretiche. La sua azione antinfiammatoria è da ricondurre al meccanismo di inibizione della sintesi delle prostaglandine, mediatori del processo infiammatorio. Dal punto di vista strettamente biochimico esso esplica la sua azione acetilando il gruppo aminico terminale della subunità ad attività cicloossigenasica dell’enzima prostaglandina sintetasi e inibendo, in questo modo, l’attività dell’enzima e quindi la biosintesi delle prostaglandine.

A cosa serve l’Acido Acetilsalicilico?

É utilizzato nel trattamento di dolori di minore intensità (mal di denti, emicrania, mialgie, dismenorrea). Viene anche impiegato nella cura delle malattie infiammatorie acute e croniche come l‘artrite reumatoide e nel trattamento sintomatico degli stati febbrili e delle sindromi influenzali o da raffreddamento.

Come si assume l’Acido Acetilsalicilico?

É commercializzato sotto forma di compresse, compresse effervescenti e sospensione per uso orale e sotto forma di preparati iniettabili.

Effetti collaterali dell’Acido Acetilsalicilico

La sua assunzione può comportare diversi effetti collaterali che possono manifestarsi in modo più o meno severo in base all’individuale predisposizione del singolo soggetto ed in base al dosaggio e alla durata della terapia.

In generale, comunque, l’utilizzo di questo principio attivo può causare disturbi intestinali, quali:

Disturbi ematologici

  • pancitopenia (diminuzione numerica di tutti gli elementi figurati del sangue)
  • perdita della capacità coagulativa del sangue

Disturbi dell’apparto genitale e urinario

  • deterioramento della funzionalità a livello renale

Disturbi metabolici

  • alterazioni soprattutto a carico del metabolismo glucidico

Disturbi centrali

  • cefalea
  • stato d’insonnia
  • sensazione di sonnolenza
  • confusione e tremori

Disturbi cardiovascolari

  • maggior rischio di eventi cerebro e cardiovascolari

Disturbi dermatologici

  • dermatiti
  • reazioni bollose nei casi più gravi
  • eritema nodoso
  • rash cutaneo

Disturbi sensoriali

  • calo dell’udito
  • oftalmopatie

Controindicazioni e avvertenze associati all’uso di Acido Acetilsalicilico

É severamente controindicato sia durante la fase di gravidanza che durante l’allattamento al seno. L’utilizzo di questo farmaco è inoltre sconsigliato in soggetti con ulcera peptica, sanguinamenti intestinali, colite ulcerosa, angioedema, morbo di Crohn o storia pregressa per le stesse patologie, concomitante terapia anticoagulante, insufficienza epatica e renale e asma.

Il medicinale è altresì sconsigliato nei bambini al di sotto dei 12 anni.