COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
0331 476111

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

ANNULLARE UNA PRENOTAZIONE
0331 476210

Lasciare un messaggio in segreteria telefonica sempre attiva.

Prenotazione
0331 476210

In convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, privato e assicurato.

Centro odontoiatrico
0331 476336

Reflusso gastroesofageo: quali sono i campanelli di allarme?

Il reflusso gastroesofageo è una patologia molto comune. Si caratterizza per il passaggio dei succhi gastrici nell’esofago che provoca un rigurgito acido e una sensazione di bruciore.

Lo spostamento degli acidi può essere fisiologico, ad esempio se si rimane supini subito dopo i pasti, oppure può essere una patologia quando diventa doloroso e non si risolve nel breve.

Approfondiamo l’argomento con il dottor Benedetto Mangiavillano, responsabile della Gastroenterologia di Humanitas Mater Domini e dei centri medici Humanitas Medical Care.

Quali sono i sintomi del reflusso gastroesofageo?

I sintomi più comuni del reflusso gastroesofageo sono:

Possono associarsi anche altri sintomi, non direttamente correlati alla patologia, come:

Quando non viene trattato, il reflusso gastroesofageo può cronicizzarsi e causare complicanze, come ulcere o erosioni dell’esofago.

Quando è importante rivolgersi al medico?

Quando il dolore e i sintomi sono persistenti, il consiglio è rivolgersi al medico che potrà valutare anche la necessità di una gastroscopia per escludere la presenza di un’ernia jatale associata al reflusso.

La gastroscopia è un esame utile a comprendere lo stato di salute dell’esofago, dello stomaco e del duodeno.

In Humanitas Mater Domini è possibile eseguire la gastroscopia transnasale. In questo caso la sonda, di un diametro di circa 4mm, viene inserita dal naso. Si tratta di un esame indolore.

Reflusso gastroesofageo: anche l’alimentazione può aiutare

Per il reflusso gastroesofageo può essere utile la cosiddetta “dieta del semaforo”, che indica con il verde gli alimenti da mangiare a volontà, con l’arancione quelli da diminuire e con il rosso quelli da evitare fino alla risoluzione del problema.

  • Alimenti del semaforo verde, da mangiare a volontà: le verdure, sia cotte sia crude (tranne i pomodori che sono da consumare solo cotti), gli alimenti integrali e le carni bianche (tranne l’agnello);
  • Alimenti da semaforo arancione, da diminuire senza eliminarli completamente: i latticini, con preferenza per quelli magri, freschi e le uova;
  • Alimenti da semaforo rosso, da evitare: sono quelli particolarmente acidi come caffè, aceto e agrumi, i fritti, le spezie, i grassi animali e le carni rosse, le bibite gassate e gli alcolici.

È anche utile evitare di fare pasti abbondanti: è preferibile mangiare più volte al giorno. Preferire una colazione ricca, un pranzo “soddisfacente” e una cena più leggera. È importante evitare di sdraiarsi o stare in posizioni che implicano di chinare il busto in avanti, alla fine dei pasti.

Endoscopia Digestiva e Gastroenterologia.