La diarrea è un’anomala evacuazione di feci che presentano un incremento del volume, della fluidità e della frequenza di emissione. Le feci troppo liquide si creano a causa di una eccessiva peristalsi intestinale che conduce ad un insufficiente assorbimento dei liquidi da parte dell’intestino. Nella gran parte delle situazioni questo problema sparisce in pochi giorni. Il perdurare del problema – così come la presenza dentro alle feci di sangue o pus – può essere indicazione di condizione mediche più serie.

La diarrea è frequentemente abbinata a crampi addominali e male all’addome. Qualche volta possono esserci anche vomito e febbre. La perdita di liquidi e di sali minerali può causare disidratazione e squilibri elettrolitici.

Le ragioni all’origine di questo problema sono numerose, come infezioni a carico dell’intestino, malassorbimento, alterato transito intestinale.

Quali patologie si possono collegare alla diarrea?

Le malattie che possono essere collegate alla presenza di diarrea sono le seguenti:

AIDS

Allergia Alimentare

Amiloidosi

Anafilassi

Angina pectoris

Ansia

Appendicite

Botulismo

Celiachia

Cirrosi biliare primitiva

Colite

Colite ulcerosa

Dengue

Diverticolite

Ebola

Endometriosi

Epatite

Gastrite

Gastroenterite

Gastroenterite virale

Intolleranza al lattosio

Intolleranze alimentari

Ipertiroidismo

Malaria

Malattia infiammatoria pelvica

Mollusco contagioso

Morbo di Addison

Morbo di Crohn

Morbo di Graves – Basedow

Peritonite

Polipi intestinali

Proctite

Salmonella

Sindrome dell’intestino irritabile

Tifo

Tumore del colon-retto

Tumore dell’ano

Ulcera peptica

Si rammenta che l’elenco non è completo ed è sempre meglio domandare consiglio al proprio dottore in presenza di continuità del problema.

Quali sono le soluzioni per la diarrea?

La cura della diarrea viene decisa in base alla malattia che ne è all’origine. Due soluzioni possono, però, aiutare l’organismo a rimettersi: il riposo e l’assunzione di soluzioni saline reidratanti per reintegrare i liquidi ed i sali minerali persi a causa delle frequenti scariche.

Con la diarrea quando andare dal proprio dottore?

È meglio andare dal proprio dottore se il problema continua per più giorni senza segnali di recessione o nel caso in cui si sia già avuta la diagnosi di una delle malattie collegate (consulatre lista malattie collegate).

 

Questo testo è stato redatto dagli specialisti di Humanitas Mater Domini.

Nessuna parte di esso può essere in alcun modo riprodotta per terze parti o da queste utilizzata.

Data di pubblicazione: 27/06/2017